Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_mosca

Settori di rilievo per l'Italia

 

Settori di rilievo per l'Italia

La cooperazione scientifica e tecnologica bilaterale si sviluppa lungo molteplici direttrici.
 
I settori disciplinari piu’ rilevanti cui attengono le collaborazioni in atto, in procinto di svilupparsi sono:

1. Fisica Nucleare e delle Particelle con particolare intensita’ nei sottosettori
    a. Fisica dei Neutrini
    b. Fisica dei Raggi Cosmici
    c. Fisica delle Collisioni di Ioni Pesanti
    d. Fisica Teorica e Fisica Matematica in tutte le sue declinazioni
2. Fisica del Plasma e Fusione Nucleare
3. Cosmologia, Astrofisica e Fisica Astro-particellare
4. Matematica Fondamentale con particolare intensita’ nei  sottosettori
    a. Sistemi Integrabili
    b. Gruppi Quantici
    c. Equazioni Differenziali non lineari
5. Chimica Inorganica e Organica con particolare attenzione ai sottosettori:
    a. Macro-eterocicli e porfirine
    b. Chimico-Fisica delle Superfici
    c. Tecnologie chimiche nella conservazione del patrimonio culturale
    d. Chimica dei composti organo-metallici
    e. Nano-tecnologie chimiche
    f. Tecnologie ione-plasma
6. Biologia Molecolare e Biochimica con particolare attenzione ai sottosettori:
    a. Genetica molecolare
    b. Struttura e Folding delle Proteine
    c. Astrobiologia e Radiobiologia
7. Neurofisiologia e Biologia Spaziale
8. Oncologia e Biologia cellulare

Gli Enti di Ricerca, le Universita’ e gli Istituti russi maggiormente coinvolti nelle collaborazioni con l’Italia sono i seguenti:

1. Accademia delle Scienze Russa (RAN). Esiste un Accordo Quadro con l’INFN e con il CNR. In particolare i seguenti Istituti della RAN hanno strette collaborazioni:
a. FIAN (Physical Institute of the Russian Academy of Science)
    i. con varie sezioni INFN per l’esperimento PAMELA sulla Stazione Spaziale Internazionale      
    ii. con varie sezioni INFN per il prossimo esperimento GAMMA 400 a bordo di satellite russo
    iii. con la Scuola Normale di Pisa (Prof. Sagnotti) sulla teoria degli spin piu’ elevati (Prof. Vasiliev)
b. IKI (Institute of Space Researches of the Russian Academy of Science) e Astro Space Centre del FIAN
    i. collaborazioni con l’Universita’ la Sapienza di Roma, varie sezioni INFN e l’ASI per gli esperimenti RADIOASTRON e MILLIMETRON
c. IMBP (Istituto di Problemi Biomedici della RAN) Importanti collaborazioni con varie Universita’ Italiane e con l’Istituto di Studi Clinici del CNR e della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa in relazione all’esperimento MARS 500
d. MIAN (Mathematical Institute della RAN)
e. Landau Institute of Theoretical Physics della RAN  in Chernogolovka. Importanti collaborazioni del Prof. Starobinsky (Medaglia Amaldi della SIGRAV) con le Universita’ di Bologna e di Napoli Federico II in temi di Cosmologia
f. Istituto per la ricerca sulle Proteine di Pushchino Collaborazioni nel campo della ricerca sulla struttura e il folding delle proteine con l’Universita’ la Sapienza di Roma (Prof.ssa Anna Tramontano) e con la SISSA di Trieste del Prof. Alexei Finkelstein

2. Universita’ Statale di Mosca (MGU). Le piu’ cospicue collaborazioni tra la MGU e l’Italia coinvolgono i seguenti Istituti:
a. Istituto Skobeltsin di Fisica Nucleare. Collaborazioni con sezioni INFN e Universita’ italiane (quelle di Torino in modo particolare) nel campo della Fisica dei Raggi Cosmici. Importante cooperazione nell’esperimento siberiano dell’array di TUNKA
b. Istituto Astronomico Nazionale Sternberg. Vaste collaborazioni con l’INAF, l’Osservatorio di Capodimonte e l’Universita’ di Napoli Federico II nel campo dell’Astronomia Ottica e anche nella costruzione dei grandi telescopi come il VLT dell’ESO

3. MEPhI (National Nuclear University MEPhI, Moscow) Importanti collaborazioni con sezioni INFN e Universita’ italiane (quelle di Torino in modo particolare) nel campo della Fisica dei raggi Cosmici e in quella dei muoni. Esperimento italo-russo NEVOD-DECOR nel centro NEVOD ed esperimento  GAMMA 400

4. Joint Institute of Nuclear Research di Dubna. Sia per tradizione sia per ampiezza le collaborazioni scientifiche piu’ importanti italo-russe si centrano attorno all’Organizzazione Internazionale Intergovernativa del JINR che ha un accordo quadro di cooperazione con l’INFN. Fisica Teorica, Fisica-Matematica, Fisica degli Ioni Pesanti, Fisica Nucleare delle Basse Energie sono i principali e tradizionali temi di indagini congiunte. Recentemente queste si sono estese in modo assai significativo alla Radiobiologia e alla Astrobiologia con risultati salienti. Dal 2009 l’Ambasciata d’Italia organizza una serie di Tavole Rotonde al JINR finalizzate ad ampliare le collaborazioni esistenti e a stimolarne delle nuove: ITALY-RUSSIA@DUBNA  

 


109